Quanta energia consuma Bitcoin?

by
Rohan Gulati
Reviewed by
min read
Last updated:

Uno degli svantaggi percepiti delle criptovalute è il fabbisogno energetico per l'estrazione e il mantenimento delle transazioni di queste criptovalute. La principale criptovaluta: Bitcoin è il principale colpevole per gli entusiasti del clima che intendono rivendicare l'effetto dannoso della criptovaluta sull'ambiente. 

Molte di queste affermazioni esagerano l’energia consumata da Bitcoin ; esagerano l’energia generale consumata dalle criptovalute. È normale sentire affermazioni a tappeto come "Bitcoin utilizza la metà dell'intero consumo energetico di cinque paesi in Europa", "Bitcoin utilizza più energia di Microsoft e Google messi insieme". C'era questo articolo sul New York Times che affermava scioccantemente che le attività minerarie di Bitcoin e il suo fabbisogno energetico potrebbero causare un riscaldamento della terra di due gradi Celsius nei prossimi anni. 

Questo rapporto presuppone che l’offerta di Bitcoin sia infinita e che la potenza computazionale necessaria per estrarre più Bitcoin aumenterebbe nel tempo. Se così fosse, l’energia necessaria per estrarre ulteriori bitcoin aumenterebbe nel tempo e questo aumenterebbe la temperatura della terra. Tuttavia, l’ipotesi non regge. In base alla progettazione, Bitcoin ha un importo fisso e una volta raggiunto, non verrà estratto alcun nuovo bitcoin. 

Per fare un esempio, Bitcoin consuma 79 terawattora (TWh) di energia secondo il Cambridge Bitcoin Energy Consumption Index (CBECI) . È un bel fabbisogno energetico, è vero. Se vogliamo avere questo dibattito, tuttavia, dovremmo essere chiari su come Bitcoin consuma effettivamente energia. Comprendere il consumo energetico di Bitcoin può aiutare a contestualizzare l’impatto ambientale che Bitcoin sta producendo. Nello specifico, ci sono alcuni malintesi fondamentali che vale la pena affrontare.

In questo articolo, daremo uno sguardo al fabbisogno energetico di Bitcoin e al suo confronto con altri importanti settori. È necessario verificare ed essere concreti. Durante la lettura di questo articolo è necessario mantenere la mente aperta e prestare attenzione alle cifre che verranno presentate. Uno shock potrebbe essere in vista per te. Facciamolo: 

Quanta energia consuma il bitcoin rispetto ad altre criptovalute 

Se ci sarà un confronto, dovrà partire dall’interno del settore. Bitcoin è una criptovaluta di alto livello, il che la colloca come principale fornitore nella catena alimentare. Come si confronta con le altre criptovalute nello spazio? 

Rispetto ad altre monete; altre monete di alto livello nello spazio delle criptovalute, Bitcoin è uno dei principali utilizzatori di energia. Secondo Cryptoglobe, la rete Ethereum, che ha più funzionalità rispetto a Bitcoin in quanto consente agli utenti di emettere contratti intelligenti, consuma circa 18,96 TWh di energia all'anno, ovvero circa il 25% della potenza attualmente richiesta dalla blockchain di Bitcoin. 

Questo importante risparmio energetico è il risultato del token nativo di Ethereum, Ether (ETH), che viene estratto tramite il protocollo PoW (prova di lavoro), tuttavia, le transazioni su Ethereum non richiedono tanta energia per essere confermate quanto la rete Bitcoin. Con il passaggio di Ethereum al sistema Proof of Stake, è possibile ridurre drasticamente l'energia richiesta per ogni transazione. 

Ripple, un'altra criptovaluta di alto livello, consuma molta meno energia di Bitcoin ed Ethereum poiché utilizza un meccanismo di consenso delegato Proof-of-Stake (DPoS). Il protocollo interroga la sua rete per convalidare i saldi dei conti e le transazioni. Se la maggioranza concorda sull'integrità della transazione, ottiene il via libera. Ripple utilizza solo 0,0051 TWh di energia all’anno, ovvero circa 14.000 volte inferiore a Bitcoin secondo TRG Data Centers . 

Quanta energia consuma bitcoin rispetto al settore bancario 

Il caso d’uso di molte criptovalute e in effetti del bitcoin si incentra sull’asse della finanza aperta e della rivoluzione del sistema bancario come lo conosciamo e lo comprendiamo. Se le criptovalute intendono rimodellare la finanza, è importante osservare come questo nuovo mezzo di inviare, ricevere e immagazzinare denaro si confronta con il modello a cui siamo già abituati.

Galaxy Digital riferisce che il settore bancario consuma 263,72 TWh all'anno. È una cifra enorme, circa il doppio del consumo di Bitcoin. L’oro è anche un’altra merce garantita dalla banca ed è spesso pubblicizzata da molti esperti come una copertura migliore rispetto al bitcoin. Anche sul fronte del consumo energetico i risultati non sono all’altezza. L'oro utilizza 240,61 TWh all'anno, cifra leggermente inferiore al totale concesso alle banche, ma comunque scandaloso. 

Se visto in modo olistico, Bitcoin è molto più avanzato del settore bancario. È uno strato di regolamento, è una riserva di valore e anche un mezzo di scambio. Non solo ha la capacità di sostituire le banche, ma ha anche il potenziale per sostituire ciò che mantiene le banche in attività: il denaro. In sostanza, è sia la merce che il sistema. Ora, condensando tutto ciò, consuma ancora troppa energia?  

Quanta energia consuma bitcoin rispetto all’industria manifatturiera? 

L’industria manifatturiera è senza dubbio il maggior consumatore di energia al mondo. Il settore industriale, o manifatturiero, consuma 8,86 trilioni di kWh (41%) dei 21,6 kWh di elettricità generata a livello globale, più di qualsiasi altro settore. Questo è secondo gli Oak Ridge Laboratories . Oh, e nessuno parla abbastanza del fatto che circa il 30% di quell'energia va sprecata. Questo spreco netto deriva dalla perdita netta di trasferimento di calore, dal gas flaring e dalle emissioni di gas in altri processi industriali. Sapendo che è impossibile fermare ogni forma di spreco, l’industria manifatturiera può però ridurli considerevolmente. 

Ne vale la pena? 

Senza dubbio, i 79 TWh consumati da bitcoin peseranno molto sul cuore di chiunque sia un entusiasta del clima, ma è solo una statistica tra tante. Per rispondere alla domanda se valga la pena o meno il bitcoin, dobbiamo vedere da dove proviene l’energia utilizzata. Nuovi dati del Bitcoin Mining Council (BMC)   mostrano che quasi un terzo dell'hash rate della rete è alimentato da fonti energetiche a basse emissioni e si stima che il mining globale di Bitcoin riceva ora il 56% del suo fabbisogno energetico da fonti sostenibili (solare, eolico, idroelettrico, nucleare, geotermico e altre “rinnovabili”)

Questa informazione da sola cambia molto. Ciò significa che quando ci chiediamo: “Bitcoin vale il suo impatto ambientale?”, l’effettivo impatto negativo di cui stiamo parlando è probabilmente molto meno allarmante di quanto si possa pensare. No, questo non significa che bitcoin sia assolto da ogni colpa, questo è solo per chiarire la situazione. 

Rispondere alla domanda se valga la pena o meno il bitcoin dipenderà ancora una volta da come ti senti riguardo alla criptovaluta. Come afferma la Harvard Business Review , se si ritiene che Bitcoin non offra alcuna utilità oltre a fungere da schema Ponzi o da dispositivo per il riciclaggio di denaro, allora sarebbe logico concludere che consumare qualsiasi quantità di energia sia uno spreco. Se sei una delle decine di milioni di individui in tutto il mondo che lo utilizzano come strumento per sfuggire alla repressione monetaria, all’inflazione o ai controlli sui capitali, molto probabilmente pensi che l’energia sia estremamente ben spesa. Se ritieni che Bitcoin abbia un diritto valido sulle risorse della società si riduce a quanto valore pensi che Bitcoin crei per la società.

Alla fine, tutto dipende dalla nostra individualità e dalle statistiche a cui scegliamo di attenerci. Ma ecco i fatti. 

All content on Kryptos serves general informational purposes only. It's not intended to replace any professional advice from licensed accountants, attorneys, or certified financial and tax professionals. The information is completed to the best of our knowledge and we at Kryptos do not claim either correctness or accuracy of the same. Before taking any tax position / stance, you should always consider seeking independent legal, financial, taxation or other advice from the professionals. Kryptos is not liable for any loss caused from the use of, or by placing reliance on, the information on this website. Kryptos disclaims any responsibility for the accuracy or adequacy of any positions taken by you in your tax returns. Thank you for being part of our community, and we're excited to continue guiding you on your crypto journey!

Arrow

Quanta energia consuma Bitcoin?

By
Rohan Gulati
On

Uno degli svantaggi percepiti delle criptovalute è il fabbisogno energetico per l'estrazione e il mantenimento delle transazioni di queste criptovalute. La principale criptovaluta: Bitcoin è il principale colpevole per gli entusiasti del clima che intendono rivendicare l'effetto dannoso della criptovaluta sull'ambiente. 

Molte di queste affermazioni esagerano l’energia consumata da Bitcoin ; esagerano l’energia generale consumata dalle criptovalute. È normale sentire affermazioni a tappeto come "Bitcoin utilizza la metà dell'intero consumo energetico di cinque paesi in Europa", "Bitcoin utilizza più energia di Microsoft e Google messi insieme". C'era questo articolo sul New York Times che affermava scioccantemente che le attività minerarie di Bitcoin e il suo fabbisogno energetico potrebbero causare un riscaldamento della terra di due gradi Celsius nei prossimi anni. 

Questo rapporto presuppone che l’offerta di Bitcoin sia infinita e che la potenza computazionale necessaria per estrarre più Bitcoin aumenterebbe nel tempo. Se così fosse, l’energia necessaria per estrarre ulteriori bitcoin aumenterebbe nel tempo e questo aumenterebbe la temperatura della terra. Tuttavia, l’ipotesi non regge. In base alla progettazione, Bitcoin ha un importo fisso e una volta raggiunto, non verrà estratto alcun nuovo bitcoin. 

Per fare un esempio, Bitcoin consuma 79 terawattora (TWh) di energia secondo il Cambridge Bitcoin Energy Consumption Index (CBECI) . È un bel fabbisogno energetico, è vero. Se vogliamo avere questo dibattito, tuttavia, dovremmo essere chiari su come Bitcoin consuma effettivamente energia. Comprendere il consumo energetico di Bitcoin può aiutare a contestualizzare l’impatto ambientale che Bitcoin sta producendo. Nello specifico, ci sono alcuni malintesi fondamentali che vale la pena affrontare.

In questo articolo, daremo uno sguardo al fabbisogno energetico di Bitcoin e al suo confronto con altri importanti settori. È necessario verificare ed essere concreti. Durante la lettura di questo articolo è necessario mantenere la mente aperta e prestare attenzione alle cifre che verranno presentate. Uno shock potrebbe essere in vista per te. Facciamolo: 

Quanta energia consuma il bitcoin rispetto ad altre criptovalute 

Se ci sarà un confronto, dovrà partire dall’interno del settore. Bitcoin è una criptovaluta di alto livello, il che la colloca come principale fornitore nella catena alimentare. Come si confronta con le altre criptovalute nello spazio? 

Rispetto ad altre monete; altre monete di alto livello nello spazio delle criptovalute, Bitcoin è uno dei principali utilizzatori di energia. Secondo Cryptoglobe, la rete Ethereum, che ha più funzionalità rispetto a Bitcoin in quanto consente agli utenti di emettere contratti intelligenti, consuma circa 18,96 TWh di energia all'anno, ovvero circa il 25% della potenza attualmente richiesta dalla blockchain di Bitcoin. 

Questo importante risparmio energetico è il risultato del token nativo di Ethereum, Ether (ETH), che viene estratto tramite il protocollo PoW (prova di lavoro), tuttavia, le transazioni su Ethereum non richiedono tanta energia per essere confermate quanto la rete Bitcoin. Con il passaggio di Ethereum al sistema Proof of Stake, è possibile ridurre drasticamente l'energia richiesta per ogni transazione. 

Ripple, un'altra criptovaluta di alto livello, consuma molta meno energia di Bitcoin ed Ethereum poiché utilizza un meccanismo di consenso delegato Proof-of-Stake (DPoS). Il protocollo interroga la sua rete per convalidare i saldi dei conti e le transazioni. Se la maggioranza concorda sull'integrità della transazione, ottiene il via libera. Ripple utilizza solo 0,0051 TWh di energia all’anno, ovvero circa 14.000 volte inferiore a Bitcoin secondo TRG Data Centers . 

Quanta energia consuma bitcoin rispetto al settore bancario 

Il caso d’uso di molte criptovalute e in effetti del bitcoin si incentra sull’asse della finanza aperta e della rivoluzione del sistema bancario come lo conosciamo e lo comprendiamo. Se le criptovalute intendono rimodellare la finanza, è importante osservare come questo nuovo mezzo di inviare, ricevere e immagazzinare denaro si confronta con il modello a cui siamo già abituati.

Galaxy Digital riferisce che il settore bancario consuma 263,72 TWh all'anno. È una cifra enorme, circa il doppio del consumo di Bitcoin. L’oro è anche un’altra merce garantita dalla banca ed è spesso pubblicizzata da molti esperti come una copertura migliore rispetto al bitcoin. Anche sul fronte del consumo energetico i risultati non sono all’altezza. L'oro utilizza 240,61 TWh all'anno, cifra leggermente inferiore al totale concesso alle banche, ma comunque scandaloso. 

Se visto in modo olistico, Bitcoin è molto più avanzato del settore bancario. È uno strato di regolamento, è una riserva di valore e anche un mezzo di scambio. Non solo ha la capacità di sostituire le banche, ma ha anche il potenziale per sostituire ciò che mantiene le banche in attività: il denaro. In sostanza, è sia la merce che il sistema. Ora, condensando tutto ciò, consuma ancora troppa energia?  

Quanta energia consuma bitcoin rispetto all’industria manifatturiera? 

L’industria manifatturiera è senza dubbio il maggior consumatore di energia al mondo. Il settore industriale, o manifatturiero, consuma 8,86 trilioni di kWh (41%) dei 21,6 kWh di elettricità generata a livello globale, più di qualsiasi altro settore. Questo è secondo gli Oak Ridge Laboratories . Oh, e nessuno parla abbastanza del fatto che circa il 30% di quell'energia va sprecata. Questo spreco netto deriva dalla perdita netta di trasferimento di calore, dal gas flaring e dalle emissioni di gas in altri processi industriali. Sapendo che è impossibile fermare ogni forma di spreco, l’industria manifatturiera può però ridurli considerevolmente. 

Ne vale la pena? 

Senza dubbio, i 79 TWh consumati da bitcoin peseranno molto sul cuore di chiunque sia un entusiasta del clima, ma è solo una statistica tra tante. Per rispondere alla domanda se valga la pena o meno il bitcoin, dobbiamo vedere da dove proviene l’energia utilizzata. Nuovi dati del Bitcoin Mining Council (BMC)   mostrano che quasi un terzo dell'hash rate della rete è alimentato da fonti energetiche a basse emissioni e si stima che il mining globale di Bitcoin riceva ora il 56% del suo fabbisogno energetico da fonti sostenibili (solare, eolico, idroelettrico, nucleare, geotermico e altre “rinnovabili”)

Questa informazione da sola cambia molto. Ciò significa che quando ci chiediamo: “Bitcoin vale il suo impatto ambientale?”, l’effettivo impatto negativo di cui stiamo parlando è probabilmente molto meno allarmante di quanto si possa pensare. No, questo non significa che bitcoin sia assolto da ogni colpa, questo è solo per chiarire la situazione. 

Rispondere alla domanda se valga la pena o meno il bitcoin dipenderà ancora una volta da come ti senti riguardo alla criptovaluta. Come afferma la Harvard Business Review , se si ritiene che Bitcoin non offra alcuna utilità oltre a fungere da schema Ponzi o da dispositivo per il riciclaggio di denaro, allora sarebbe logico concludere che consumare qualsiasi quantità di energia sia uno spreco. Se sei una delle decine di milioni di individui in tutto il mondo che lo utilizzano come strumento per sfuggire alla repressione monetaria, all’inflazione o ai controlli sui capitali, molto probabilmente pensi che l’energia sia estremamente ben spesa. Se ritieni che Bitcoin abbia un diritto valido sulle risorse della società si riduce a quanto valore pensi che Bitcoin crei per la società.

Alla fine, tutto dipende dalla nostra individualità e dalle statistiche a cui scegliamo di attenerci. Ma ecco i fatti. 

All content on Kryptos serves general informational purposes only. It's not intended to replace any professional advice from licensed accountants, attorneys, or certified financial and tax professionals. The information is completed to the best of our knowledge and we at Kryptos do not claim either correctness or accuracy of the same. Before taking any tax position / stance, you should always consider seeking independent legal, financial, taxation or other advice from the professionals. Kryptos is not liable for any loss caused from the use of, or by placing reliance on, the information on this website. Kryptos disclaims any responsibility for the accuracy or adequacy of any positions taken by you in your tax returns. Thank you for being part of our community, and we're excited to continue guiding you on your crypto journey!

You might also like:
Blog Image

Canada Crypto Tax Evasion: Risks Involved

Taxes

Want to know what risks are associated with crypto tax evasion in Canada. Our guide provides insights into the consequences and legal implications.

Blog Image

How to Report Crypto Taxes with TurboTax Canada in 2024

Taxes

Simplify Canada crypto tax reporting with TurboTax & Kryptos in 2024. Our guide offers step-by-step insights, ensuring accuracy & compliance.

Blog Image

Canada Crypto Tax Loss Harvesting Guide 2024

General

Master Canada's crypto tax This 2024 with our guide. Optimize gains using effective tax loss harvesting techniques. Stay compliant, minimize liabilities, and navigate crypto taxes seamlessly with our expert insights.