7 scappatoie fiscali NFT che dovresti conoscere nel 2023

by
Rohan Gulati
Reviewed by
min read
Last updated:

Gli ultimi anni hanno segnato una crescita esponenziale degli NFT nel mondo delle criptovalute, offrendo interessanti opportunità ad artisti, collezionisti e investitori. Tuttavia, con questo ritrovato successo arrivano una nuova serie di implicazioni fiscali che possono creare confusione e travolgere molti appassionati di NFT . 

La tassazione delle NFT è ancora un'area in via di sviluppo ed esistono molte scappatoie NFT per ridurre legalmente la responsabilità fiscale. 

In questo blog esploreremo le varie implicazioni fiscali degli NFT e forniremo 7 modi diversi per ridurre le tasse NFT.

Come funzionano le tasse NFT?

Similmente a qualsiasi altro asset crittografico, gli NFT sono soggetti sia all’imposta sul reddito che all’imposta sulle plusvalenze. Un’aliquota fiscale fino al 37% è applicabile a qualsiasi reddito o plusvalenza a breve termine realizzata da NFT. Eventuali plusvalenze a lungo termine derivanti dalla cessione di NFT sono soggette a un'aliquota fiscale dello 0-20%.

Le tasse finali dipendono da vari fattori tra cui la fascia di reddito, il periodo di detenzione del bene e lo stato di deposito. 

Le transazioni imponibili NFT includono:

  • Acquistare NFT con criptovaluta
  • Vendita di NFT per criptovaluta o fiat
  • Scambiare NFT con un altro NFT

Esistono due tipi di tasse che possono applicarsi ai tuoi NFT:

  • Imposta sulle plusvalenze: se realizzi un profitto dalla cessione dei tuoi NFT per valute fiat o altre criptovalute, incorri in un'imposta sulle plusvalenze. Se disponi della tua NFT in meno di 12 mesi, sei soggetto all'imposta sulle plusvalenze a breve termine. Qualsiasi cessione effettuata oltre questo periodo di tempo è soggetta a imposte sulle plusvalenze a lungo termine.
  • Imposta sul reddito: qualsiasi forma di reddito derivante dai tuoi NFT è soggetta all'imposta ordinaria sul reddito. Ad esempio, se vendi una collezione NFT creata per fiat, il reddito è soggetto a questa categoria fiscale.

Gli NFT sono tassati come oggetti da collezione dall'IRS?

L’IRS non ha ancora linee guida specifiche sugli NFT. Tuttavia, è possibile che segmenti specifici di NFT, come NFT di carte collezionabili e NFT di opere d'arte, possano essere trattati come oggetti da collezione a fini fiscali. 

Le transazioni su questi NFT possono essere soggette a un'aliquota fiscale massima del 28% indipendentemente dal periodo di detenzione dell'asset. 

7 scappatoie fiscali NFT per ridurre la fattura fiscale delle criptovalute

Con la crescente popolarità delle NFT, le autorità fiscali hanno iniziato a prestare attenzione alle loro potenziali implicazioni fiscali. Tuttavia, strategie specifiche consentono di ridurre al minimo l’onere fiscale su queste transazioni. 

Diamo un'occhiata alle 7 principali scappatoie fiscali NFT che puoi sfruttare per ridurre significativamente la tua fattura fiscale sulle criptovalute.

Modifica la base dei costi

La base di costo è l'importo di acquisto del tuo bene e viene utilizzato per determinare la plusvalenza o la perdita di capitale ottenuta dalla sua cessione. Quando un NFT viene venduto, la plusvalenza viene calcolata come differenza tra il prezzo di vendita e la base di costo.

Un modo per ridurre il carico fiscale è adeguare la base dei costi delle NFT. Includi eventuali spese sostenute per l'acquisizione del tuo NFT, come commissioni di trasferimento, commissioni e altri costi correlati. 

Aumentando la base dei costi, la plusvalenza imponibile derivante dalla cessione dell'NFT sarà ridotta, offrendoti una fattura fiscale inferiore.

Ad esempio, se acquisti un NFT per $ 1.000 e sopporti $ 100 in commissioni di trasferimento, la base di costo dell'NFT sarebbe $ 1.000 + $ 100 = $ 1.100. Se l’NFT venisse successivamente venduto per $ 1.500, il profitto sarebbe di $ 400 ($ 1.500 - $ 1.100), risparmiando così $ 100 in plusvalenze.

Approfitta di un anno a basso reddito

L'imposta sulle plusvalenze che devi pagare dipende dal tuo reddito complessivo per un determinato anno finanziario. 

Ad esempio, se realizzi una plusvalenza dalla NFT in un anno in cui il tuo reddito imponibile è di $ 50.000, potresti essere soggetto a un'aliquota fiscale sulle plusvalenze del 15%. Tuttavia, se disponi della stessa NFT in un anno in cui il reddito è di $ 25.000, pagherai zero imposte sulle plusvalenze. Per maggiori dettagli, consulta la nostra guida qui . 

Cedendo i tuoi NFT in un anno in cui il reddito imponibile è inferiore, puoi ridurre l'onere fiscale derivante dalla loro vendita o scambio.

Usa la Fiat o la svalutazione delle criptovalute

Secondo le linee guida dell'IRS, se acquisti un NFT utilizzando valuta fiat, la tua transazione non è soggetta ad alcuna imposta in quanto non vi è alcuna plusvalenza.

Se utilizzi criptovalute per acquistare NFT, il cui valore è aumentato dal momento del suo acquisto, la transazione sarà considerata come uno scambio di criptovalute soggette a imposta sulle plusvalenze. 

Tuttavia, questa idea può essere utilizzata anche per vantaggi fiscali in cui si utilizzano criptovalute che si sono svalutate dal momento dell'acquisto per acquistare un NFT. La perdita realizzata durante lo scambio può quindi essere considerata una perdita di capitale.

Plusvalenze a lungo termine

Negli Stati Uniti, gli NFT sono considerati beni capitali e la vendita o lo scambio di questi NFT comporta una plusvalenza o una perdita di capitale. Se una NFT viene detenuta per più di un anno, la plusvalenza derivante dalla sua cessione è considerata una plusvalenza a lungo termine, tassata a un’aliquota molto inferiore rispetto alle plusvalenze a breve termine.

Mentre l'aliquota fiscale sulle plusvalenze a breve termine (per <12 mesi) varia dal 10 al 37%, l'imposta sulle plusvalenze a lungo termine varia dallo 0 al 20%. 

Detenendo NFT per più di un anno prima della cessione, puoi usufruire di un'aliquota fiscale più bassa, che può ridurre significativamente la tua responsabilità fiscale.

Regala il tuo NFT

Regalare NFT alla tua famiglia e ai tuoi amici è uno dei modi migliori per condividere le tue risorse senza incorrere in passività fiscali. Secondo l’IRS, le donazioni NFT inferiori a $ 15.000 non sono soggette a tasse. Per importi superiori a questo importo, è necessario compilare un modulo di dichiarazione dei redditi sulle donazioni solo a scopo informativo. 

Il destinatario del regalo NFT è esente da qualsiasi tassa purché non lo venda per una plusvalenza. 

Prestito NFT

Accendere prestiti a fronte dei tuoi NFT può fornirti la liquidità necessaria senza innescare alcun evento imponibile. 

Poiché l'importo degli interessi per questi prestiti è solitamente inferiore all'imposta sulle plusvalenze che avresti sostenuto dalla cessione dell'NFT, questa strategia può essere utile per ridurre la fattura fiscale delle criptovalute consentendoti comunque di incassare i tuoi profitti.

Raccolta delle perdite fiscali

La raccolta delle perdite fiscali NFT comporta la vendita degli NFT che hanno perso valore per realizzare una perdita di capitale. Questo può quindi essere utilizzato per compensare le plusvalenze realizzate dalla cessione di altri NFT o attività di investimento.

Negli Stati Uniti, le minusvalenze possono essere utilizzate per compensare tutte le plusvalenze e fino a 3.000 dollari del proprio reddito in un dato anno. Eventuali minusvalenze eccedenti potranno essere riportate agli anni fiscali successivi.

Se non sai come sfruttare questa strategia per risparmiare migliaia di dollari, prova gratuitamente  lo strumento fiscale Kryptos per ridurre le tue tasse.

Avvolgendo

Strutturando attentamente le tue transazioni NFT e sfruttando strategie fiscalmente efficienti, puoi ridurre al minimo il carico fiscale e massimizzare i rendimenti. Utilizza i suggerimenti di cui sopra per sfruttare le scappatoie NFT esistenti per ridurre legalmente la tua fattura fiscale sulle criptovalute.

Vuoi che calcoliamo le tue tasse NFT in pochi minuti? Iscriviti ora gratuitamente. 

FAQs

1. Paghi le tasse quando acquisti un NFT?

L'acquisto di un NFT con fiat non è soggetto ad alcuna imposta. Tuttavia, se utilizzi la criptovaluta per acquistare NFT, potresti incorrere in un'imposta sulle plusvalenze a seconda della differenza di prezzo della criptovaluta dal momento del suo acquisto.

2. Come posso evitare le tasse NFT?

Anche se non esiste un modo per evitare completamente le tasse NFT, puoi utilizzare diverse strategie tra cui la raccolta delle perdite fiscali, i prestiti garantiti da NFT o il dono e la donazione dei tuoi NFT per ridurre le tue passività fiscali. L’unico modo per non pagare le tasse è detenere l’NFT acquistato con fiat e non smaltirlo.

3. Quanto vengono tassate le NFT? 

Proprio come gli altri asset crittografici, gli NFT sono soggetti sia all’imposta ordinaria sul reddito che all’imposta sulle plusvalenze. A seconda del periodo di detenzione, della fascia di reddito, dello stato di archiviazione e del tipo di transazione, potresti incorrere in imposte sul reddito o imposte sulle plusvalenze a breve termine che vanno dal 10 al 37%. Le imposte sulle plusvalenze a lungo termine sugli NFT vanno dallo 0 al 20%. 

4. Posso cancellare le mie perdite NFT? 

Puoi utilizzare le perdite NFT realizzate per compensare tutte le plusvalenze e fino a $ 3000 delle altre entrate per un determinato anno finanziario. Qualsiasi perdita aggiuntiva viene riportata agli anni fiscali futuri.

All content on Kryptos serves general informational purposes only. It's not intended to replace any professional advice from licensed accountants, attorneys, or certified financial and tax professionals. The information is completed to the best of our knowledge and we at Kryptos do not claim either correctness or accuracy of the same. Before taking any tax position / stance, you should always consider seeking independent legal, financial, taxation or other advice from the professionals. Kryptos is not liable for any loss caused from the use of, or by placing reliance on, the information on this website. Kryptos disclaims any responsibility for the accuracy or adequacy of any positions taken by you in your tax returns. Thank you for being part of our community, and we're excited to continue guiding you on your crypto journey!

How we reviewed this article

Written by
Rohan Gulati

Marketing Lead at Kryptos, specializing in growth marketing strategies and Crypto and Blockchain Trainer

Reviewed by

Arrow

7 scappatoie fiscali NFT che dovresti conoscere nel 2023

By
Rohan Gulati
On

Gli ultimi anni hanno segnato una crescita esponenziale degli NFT nel mondo delle criptovalute, offrendo interessanti opportunità ad artisti, collezionisti e investitori. Tuttavia, con questo ritrovato successo arrivano una nuova serie di implicazioni fiscali che possono creare confusione e travolgere molti appassionati di NFT . 

La tassazione delle NFT è ancora un'area in via di sviluppo ed esistono molte scappatoie NFT per ridurre legalmente la responsabilità fiscale. 

In questo blog esploreremo le varie implicazioni fiscali degli NFT e forniremo 7 modi diversi per ridurre le tasse NFT.

Come funzionano le tasse NFT?

Similmente a qualsiasi altro asset crittografico, gli NFT sono soggetti sia all’imposta sul reddito che all’imposta sulle plusvalenze. Un’aliquota fiscale fino al 37% è applicabile a qualsiasi reddito o plusvalenza a breve termine realizzata da NFT. Eventuali plusvalenze a lungo termine derivanti dalla cessione di NFT sono soggette a un'aliquota fiscale dello 0-20%.

Le tasse finali dipendono da vari fattori tra cui la fascia di reddito, il periodo di detenzione del bene e lo stato di deposito. 

Le transazioni imponibili NFT includono:

  • Acquistare NFT con criptovaluta
  • Vendita di NFT per criptovaluta o fiat
  • Scambiare NFT con un altro NFT

Esistono due tipi di tasse che possono applicarsi ai tuoi NFT:

  • Imposta sulle plusvalenze: se realizzi un profitto dalla cessione dei tuoi NFT per valute fiat o altre criptovalute, incorri in un'imposta sulle plusvalenze. Se disponi della tua NFT in meno di 12 mesi, sei soggetto all'imposta sulle plusvalenze a breve termine. Qualsiasi cessione effettuata oltre questo periodo di tempo è soggetta a imposte sulle plusvalenze a lungo termine.
  • Imposta sul reddito: qualsiasi forma di reddito derivante dai tuoi NFT è soggetta all'imposta ordinaria sul reddito. Ad esempio, se vendi una collezione NFT creata per fiat, il reddito è soggetto a questa categoria fiscale.

Gli NFT sono tassati come oggetti da collezione dall'IRS?

L’IRS non ha ancora linee guida specifiche sugli NFT. Tuttavia, è possibile che segmenti specifici di NFT, come NFT di carte collezionabili e NFT di opere d'arte, possano essere trattati come oggetti da collezione a fini fiscali. 

Le transazioni su questi NFT possono essere soggette a un'aliquota fiscale massima del 28% indipendentemente dal periodo di detenzione dell'asset. 

7 scappatoie fiscali NFT per ridurre la fattura fiscale delle criptovalute

Con la crescente popolarità delle NFT, le autorità fiscali hanno iniziato a prestare attenzione alle loro potenziali implicazioni fiscali. Tuttavia, strategie specifiche consentono di ridurre al minimo l’onere fiscale su queste transazioni. 

Diamo un'occhiata alle 7 principali scappatoie fiscali NFT che puoi sfruttare per ridurre significativamente la tua fattura fiscale sulle criptovalute.

Modifica la base dei costi

La base di costo è l'importo di acquisto del tuo bene e viene utilizzato per determinare la plusvalenza o la perdita di capitale ottenuta dalla sua cessione. Quando un NFT viene venduto, la plusvalenza viene calcolata come differenza tra il prezzo di vendita e la base di costo.

Un modo per ridurre il carico fiscale è adeguare la base dei costi delle NFT. Includi eventuali spese sostenute per l'acquisizione del tuo NFT, come commissioni di trasferimento, commissioni e altri costi correlati. 

Aumentando la base dei costi, la plusvalenza imponibile derivante dalla cessione dell'NFT sarà ridotta, offrendoti una fattura fiscale inferiore.

Ad esempio, se acquisti un NFT per $ 1.000 e sopporti $ 100 in commissioni di trasferimento, la base di costo dell'NFT sarebbe $ 1.000 + $ 100 = $ 1.100. Se l’NFT venisse successivamente venduto per $ 1.500, il profitto sarebbe di $ 400 ($ 1.500 - $ 1.100), risparmiando così $ 100 in plusvalenze.

Approfitta di un anno a basso reddito

L'imposta sulle plusvalenze che devi pagare dipende dal tuo reddito complessivo per un determinato anno finanziario. 

Ad esempio, se realizzi una plusvalenza dalla NFT in un anno in cui il tuo reddito imponibile è di $ 50.000, potresti essere soggetto a un'aliquota fiscale sulle plusvalenze del 15%. Tuttavia, se disponi della stessa NFT in un anno in cui il reddito è di $ 25.000, pagherai zero imposte sulle plusvalenze. Per maggiori dettagli, consulta la nostra guida qui . 

Cedendo i tuoi NFT in un anno in cui il reddito imponibile è inferiore, puoi ridurre l'onere fiscale derivante dalla loro vendita o scambio.

Usa la Fiat o la svalutazione delle criptovalute

Secondo le linee guida dell'IRS, se acquisti un NFT utilizzando valuta fiat, la tua transazione non è soggetta ad alcuna imposta in quanto non vi è alcuna plusvalenza.

Se utilizzi criptovalute per acquistare NFT, il cui valore è aumentato dal momento del suo acquisto, la transazione sarà considerata come uno scambio di criptovalute soggette a imposta sulle plusvalenze. 

Tuttavia, questa idea può essere utilizzata anche per vantaggi fiscali in cui si utilizzano criptovalute che si sono svalutate dal momento dell'acquisto per acquistare un NFT. La perdita realizzata durante lo scambio può quindi essere considerata una perdita di capitale.

Plusvalenze a lungo termine

Negli Stati Uniti, gli NFT sono considerati beni capitali e la vendita o lo scambio di questi NFT comporta una plusvalenza o una perdita di capitale. Se una NFT viene detenuta per più di un anno, la plusvalenza derivante dalla sua cessione è considerata una plusvalenza a lungo termine, tassata a un’aliquota molto inferiore rispetto alle plusvalenze a breve termine.

Mentre l'aliquota fiscale sulle plusvalenze a breve termine (per <12 mesi) varia dal 10 al 37%, l'imposta sulle plusvalenze a lungo termine varia dallo 0 al 20%. 

Detenendo NFT per più di un anno prima della cessione, puoi usufruire di un'aliquota fiscale più bassa, che può ridurre significativamente la tua responsabilità fiscale.

Regala il tuo NFT

Regalare NFT alla tua famiglia e ai tuoi amici è uno dei modi migliori per condividere le tue risorse senza incorrere in passività fiscali. Secondo l’IRS, le donazioni NFT inferiori a $ 15.000 non sono soggette a tasse. Per importi superiori a questo importo, è necessario compilare un modulo di dichiarazione dei redditi sulle donazioni solo a scopo informativo. 

Il destinatario del regalo NFT è esente da qualsiasi tassa purché non lo venda per una plusvalenza. 

Prestito NFT

Accendere prestiti a fronte dei tuoi NFT può fornirti la liquidità necessaria senza innescare alcun evento imponibile. 

Poiché l'importo degli interessi per questi prestiti è solitamente inferiore all'imposta sulle plusvalenze che avresti sostenuto dalla cessione dell'NFT, questa strategia può essere utile per ridurre la fattura fiscale delle criptovalute consentendoti comunque di incassare i tuoi profitti.

Raccolta delle perdite fiscali

La raccolta delle perdite fiscali NFT comporta la vendita degli NFT che hanno perso valore per realizzare una perdita di capitale. Questo può quindi essere utilizzato per compensare le plusvalenze realizzate dalla cessione di altri NFT o attività di investimento.

Negli Stati Uniti, le minusvalenze possono essere utilizzate per compensare tutte le plusvalenze e fino a 3.000 dollari del proprio reddito in un dato anno. Eventuali minusvalenze eccedenti potranno essere riportate agli anni fiscali successivi.

Se non sai come sfruttare questa strategia per risparmiare migliaia di dollari, prova gratuitamente  lo strumento fiscale Kryptos per ridurre le tue tasse.

Avvolgendo

Strutturando attentamente le tue transazioni NFT e sfruttando strategie fiscalmente efficienti, puoi ridurre al minimo il carico fiscale e massimizzare i rendimenti. Utilizza i suggerimenti di cui sopra per sfruttare le scappatoie NFT esistenti per ridurre legalmente la tua fattura fiscale sulle criptovalute.

Vuoi che calcoliamo le tue tasse NFT in pochi minuti? Iscriviti ora gratuitamente. 

FAQs

1. Paghi le tasse quando acquisti un NFT?

L'acquisto di un NFT con fiat non è soggetto ad alcuna imposta. Tuttavia, se utilizzi la criptovaluta per acquistare NFT, potresti incorrere in un'imposta sulle plusvalenze a seconda della differenza di prezzo della criptovaluta dal momento del suo acquisto.

2. Come posso evitare le tasse NFT?

Anche se non esiste un modo per evitare completamente le tasse NFT, puoi utilizzare diverse strategie tra cui la raccolta delle perdite fiscali, i prestiti garantiti da NFT o il dono e la donazione dei tuoi NFT per ridurre le tue passività fiscali. L’unico modo per non pagare le tasse è detenere l’NFT acquistato con fiat e non smaltirlo.

3. Quanto vengono tassate le NFT? 

Proprio come gli altri asset crittografici, gli NFT sono soggetti sia all’imposta ordinaria sul reddito che all’imposta sulle plusvalenze. A seconda del periodo di detenzione, della fascia di reddito, dello stato di archiviazione e del tipo di transazione, potresti incorrere in imposte sul reddito o imposte sulle plusvalenze a breve termine che vanno dal 10 al 37%. Le imposte sulle plusvalenze a lungo termine sugli NFT vanno dallo 0 al 20%. 

4. Posso cancellare le mie perdite NFT? 

Puoi utilizzare le perdite NFT realizzate per compensare tutte le plusvalenze e fino a $ 3000 delle altre entrate per un determinato anno finanziario. Qualsiasi perdita aggiuntiva viene riportata agli anni fiscali futuri.

All content on Kryptos serves general informational purposes only. It's not intended to replace any professional advice from licensed accountants, attorneys, or certified financial and tax professionals. The information is completed to the best of our knowledge and we at Kryptos do not claim either correctness or accuracy of the same. Before taking any tax position / stance, you should always consider seeking independent legal, financial, taxation or other advice from the professionals. Kryptos is not liable for any loss caused from the use of, or by placing reliance on, the information on this website. Kryptos disclaims any responsibility for the accuracy or adequacy of any positions taken by you in your tax returns. Thank you for being part of our community, and we're excited to continue guiding you on your crypto journey!

You might also like:
Blog Image

Navigating DeFi Taxes in the UK: A Comprehensive Guide for 2024

DeFi

Have you ever thought about how your DeFi activities might affect your taxes? Well, chances are you have!

Blog Image

How Exchange Fees Can Reduce Your Crypto Taxes In USA

General

Learn how exchange fees can lower your crypto tax bill in the USA this year 2024.

Blog Image

How to Report your Crypto Taxes in the USA

General

Are you ready to File your Crypto taxes? Then make sure you do it right. Learn what crypto tax forms you'll need and how to report your crypto activities to the IRS before April 15th.